martedì 31 dicembre 2013

Zio Paperone e la Disfida dei Dollari: continua l'ottima riproposizione delle avventure dei paperi di Barks

La copertina del volume Rizzoli-Lizard
Secondo volume edito dalla Rizzoli Lizard e dedicato alla pubblicazione cronologica delle fantasmagoriche storie create dall'"Uomo dei Paperi" Carl Barks, Zio Paperino e la disfida dei dollari riprende il 12° volume dell'edizione americana Fantagraphics e, come da titolo, concentra le proprie pagine sulle avventure del papero più avaro del mondo, creazione originale del maestro dell'Oregon, pubblicate sui comic-books americani nel triennio '52-'54. 

Il volume segue la scia di Paperino e il mistero degli Incas, alternando al suo interno le storie lunghe dalla trama ariosa e avventurosa, gli episodi brevi da poche tavole e le gag a pagina singola, tutte e tre forme narrative perfettamente rodate ognuna su quella forma espressiva e su quel contenuto identificante che hanno portato Barks a essere considerato uno dei più grandi autori Disney di sempre a livello mondiale.

Le storie qui contenute mostrano uno Zio Paperone personaggio già maturo, le cui caratteristiche principali risultano perlopiù già definite: l'avarizia totale mitigata da un cuore d'oro pronto a venire a galla quando necessario (in Zio Paperone e la stella del Polo), l'ingegno multiforme misto all'astuzia da papero navigato per raggiungere i propri obiettivi (in Zio Paperone e la disfida dei dollari), la sete d'avventura placata dal raggiungimento dei luoghi più esotici del globo (in Zio Paperone nell'isola dei menehunes) e l'ingenua ma positiva capacità di gettarsi a capofitto nelle imprese più ardue, rimboccandosi le maniche davanti agli ostacoli che appaiono insormontabili (in Zio Paperone il pesce (d'oro) d'aprile e in Zio Paperone pesca lo Skirillione). Mancano del tutto invece le spigolosità e le asprezze che caratterizzavano il personaggio nei suoi primi anni editoriali, quando, in qualità di comprimario delle storie di Paperino, esprimeva ancora una sgradevole spietatezza da capitalista d'assalto nel raggiungimento dei propri interessi economici di natura imperialista a scapito di tutti gli altri esseri viventi.

La discesa negli abissi e
la scoperta di Atlantide in 
Zio Paperone pesca lo Skirillione
Monumentali per la maestria narrativa con cui sono realizzate due delle storie contenute nel volume: Zio Paperone pesca lo Skirillione e Zio Paperone e la dollarallergia.
La prima è costruita attraverso una perfetta struttura in tre atti in cui alla preparazione della vicenda (la trasformazione di una moneta da 25 centesimi in una da dieci skirillioni di dollari) segue un memorabile intermezzo slapstick al gusto di torta, con una conclusione fantarcheologica che porta i paperi addirittura a scoprire il continente perduto di Atlantide, negli abissi dell'Oceano Atlantico.
La seconda è una tragedia mascherata, filtrata attraverso la teoria del caos resa da una spassosissima, a livello grafico, allergia al denaro. Ispirato al Orizzonte perduto di James Hilton, la dollarallergia mostra come l'inserimento di una forma di transazione legata al denaro (qui sostituito dal concetto di tappo) possa turbare il più puro e arcaico paradiso sociale terrestre. Un concetto ripreso anche dal belgo Peyo, nel momento in cui il denaro arriva a turbare la società idilliaca delle sue piccole creature blu in Il puffo banchiere (1992).

Da sottolineare infine come siano presenti anche elementi che in seguito diventeranno topici della figura paperoniana: il "Manuale delle Giovani Marmotte" e, su tutti, la famosa "numero 1" (in Zio Paperone e la Banda Bassotti), prima moneta guadagnata dall'avaro piumoso e considerata un potentissimo portafortuna, tanto da attirare le mire della fattucchiera Amelia (altro personaggio originale partorito dal pennino di Barks) con i suoi ripetuti e infruttuosi tentativi di rubarla per fonderla e dare vita al più potente amuleto del mondo. Non solo, vi è anche la presenza di personaggi minori destinati però a imprimersi nell'immaginario dei fan: in primis Doretta Doremì, vecchia cotta giovanile di Paperone, ripresa in seguito nella sontuosa Saga di Paperon de' Paperoni a opera di Don Rosa, l'unico vero erede dell'immaginario barksiano.

Zio Paperone alle prese
con la dollarallergia 
Completano il volume, cartonato e con una qualità di stampa ottima, gli approfondimenti storico-critici sulle singole storie e sulla figura dello stesso "Uomo dei Paperi", a opera dei più acclamati esperti mondiali del corpus di storie barksiano.
Peccato solo per la periodicità di questa collana. La lunga cadenza di pubblicazione infatti metterà a dura prova l'astinenza da storie di Barks accusata ogni volta che vi ritroverete a voltare l'ultima pagina di questi bellissimi volumi dedicati ai paperi disneyani.

L'anteprima di Zio Paperino e la disfida dei dollari potete trovarla qui.

L'elenco delle storie contenute nel volume:
-Zio Paperone e la disfida dei dollari
-Un prodotto straordinario
-Offerte speciali
-Un investimento oculato
-Zio Paperone e il semaforo rosso
-Zio Paperone e la stella del Polo
-Una scala economica
-Bisogna saper perdere
-Zio Paperone il pesce (d'oro) d'aprile
-Due basette molto care
-Zio Paperone e la cassa di rafano
-Dove finisce l'arcobaleno?
-Dar da mangiare...
-Zio Paperone e la Banda Bassotti
-Il balletto, che passione!
-Il peso... del denaro
-Zio Paperone nell'isola dei menehunes
-Un cuore d'oro!
-L'ospite giusto
-Zio Paperino pesca lo skirillione
-...ma per un decino
-Una bibita per tutti?
-Zio Paperone e la dollarallergia
-Non basta l'Oro Nero!
-Perseveranza premiata
-Zio Paperone e il tesoro del vecchio Volpe
-Il pensiero... paga

Di seguito trovate tre delle gag a pagina singola contenute nel volume. Basta cliccare sulle immagini per ingrandirle.
(Le immagini sono proposte a mero scopo divulgativo, tutti i diritti appartengono ai legittimi proprietari)
Non basta l'Oro Nero!

Il pensiero... paga

Perseveranza premiata

Nessun commento:

Posta un commento