mercoledì 23 dicembre 2015

STORIA DELL'ANIMAZIONE GIAPPONESE. AUTORI, ARTE INDUSTRIA, SUCCESSO DAL 1917 AD OGGI di Guido Tavassi

Esauriente compendio storico sull'animazione giapponese che prende in esame i diversi comparti produttivi nipponici (film cinematografici, serie televisive, prodotti direct-to-video e realtà indipendenti) dagli esordi anteguerra del medium fino al 2011.
La prospettiva è essenzialmente storica, con qualche accenno al contesto economico e politico di produzione, mentre carente risulta essere la parte prettamente sociologica.
Se ben evidente è il rischio di perdersi dietro la pretesa d'enciclopedismo (troppi sono i nomi di prodotti e figure professionali che meriterebbero ulteriore spazio di approfondimento) e la lettura può risultare ostica al neofita o al semplice appassionato non aduso alla realtà produttiva degli anime, è pur vero che il volume costituisce di fatto la prima seria sistematizzazione scientifica sull'argomento, caratterizzata da una encomiabile volontà di completezza e rigore.

Di seguito l'indice completo del volume:

Introduzione
-Definizione e forme dell'animazione giapponese 
-Evoluzione della terminologia 
-Pubblici, formati e tecniche 
-Il processo di produzione dell’animazione commerciale 
-Soggetto, sceneggiatura, ekonte 
-La fase di animazione: tradizione e innovazione 
-Postproduzione: sonorizzazione, vocalizzazione, montaggio 
-Costi, risorse, industria e mercato 
-Generi e sottogeneri dell’animazione commerciale 
-Classificazione demografica 
-Classificazione tematica 
-L’animazione non commerciale 
-Piano dell’opera

I. Le origini. 1917-1929 
-Genesi, e dibattito sulla genesi, dell’animazione giapponese 
-Il frammento Matsumoto 
-Oten Shimokawa, Seitaro Kitayama e Jun’ichi Kouchi 
-Gli animatori degli anni Venti 
-L’avvento del sonoro  

II. L’animazione in tempo di guerra. 1930-1945 
-Gli anni Trenta 
-Venti di guerra sull’animazione 
-L’animazione di propaganda 
-Il divino Momotaro contro gli americani 
-La competizione con le produzioni cinesi e l’animazione non di propaganda del periodo bellico 

III. Il dopoguerra e la nascita dell’animazione industriale. 1946-1963 
-Gli anni della ricostruzione (1946-1954) 
-Gli studi d’animazione attivi nell’immediato dopoguerra 
-Il cinema d’animazione della Toei Doga e l'avvento dell'animazione televisiva (1955-1963) 
-I primi film brevi della Toei 
-Hakujaden 
-Gli altri lungometraggi Toei del primo periodo 
-L’esordio dell’animazione televisiva 
-Il primo contributo di Osamu Tezuka: Tetsuwan Atom 
-Le altre serie televisive animate del 1963 

IV. Il movimento indipendente e il Sogetsu Animation Festival 
-Noburo Ofuji: i film della maturità 
-Yokoyama, Kuri, Manabe, Yanagihara 
-Sviluppi dell’animazione d’autore negli anni Sessanta 

V. La rivoluzione televisiva. 1964-1970 
-Il tramonto del cinema ad animazione totale 
-La proliferazione degli studi d’animazione e la diversificazione dei generi 
-Strategie e modelli: i casi di Toei Doga e Mushi Production 
-Il caso Toei Doga 
-Il caso Mushi Production 

VI/1. Dai super robot all’anime boom. 1971-1983 
-Nel segno della fantascienza: super robot e variazioni sul tema 
-L'immaginario fantascientifico di Go Nagai 
-Non solo robot giganti: supereroi e astronavi 
-L’astro nascente di Yoshiyuki Tomino 
-Nuovi generi: Sekai meisaku gekijo 
-La varietà della produzione Toei, Tokyo Movie e Tatsunoko 
-La Tezuka Production e gli special TV 
-La parabola della Sanrio Film e l'esordio della NHK 
-Oltre il super robot: il realismo e la space opera 
-Tokyo Movie Shinsha 
-Gli anni dell’anime boom 
-Anime boom sì, ma con alti e bassi 
-Un anime boom nato dai manga 
-Anime, idol e musica: un boom di e per otaku 
-Un’esplosione di anime e di generi 
-Il boom nei cinema e dei film tv 

VI/2. L’anime boom in Occidente. Il primo periodo di successo dell’animazione commerciale giapponese in Europa e in America. 1978-1984 di Marco Pellitteri 
-Di cosa parliamo quando parliamo di anime boom 
-Prima dell’anime boom 
-Il primo anime boom in Europa e la sua appendice negli Stati Uniti 
-In Europa 
-Negli Stati Uniti 

VII. L’età dell’oro dell’animazione indipendente. Gli anni Settanta e Ottanta 
-I grandi maestri del periodo 
-Kihachiro Kawamoto 
-Tadanari Okamoto 
-Renzo Kinoshita e la nascita dei festival e delle scuole 
-Autori ed esperienze significative del periodo 
-Il Tokyo Image Forum e Nobuhiro Aihara 
-Il Tezuka sperimentale 
-I tardi Kuri e Furukawa 
-Altri autori 

VIII. L’animazione commerciale tra vecchi e nuovi formati. La crisi della serie televisiva, l’esplosione dell’homevideo e il rilancio del cinema. 1984-1994 
1984 
-L'epopea di Miyazaki e della sua Nausicaa 
-Nascita dello Studio Ghibli e della Gainax 
-Parole d’ordine: fantascienza, magia, OAV 
1985 
-Una situazione interlocutoria 
-Film, serie, OAV: all'insegna della varietà dei formati 
-Fra le ragioni del boom degli OAV: erotismo e pornografia 
-Decrescita delle serie televisive 
1986 
-La Toei all’insegna dei supereroi 
-Romanticismo e modellini 
-Al cinema 
-Nell'homevideo 
1987 
-Tanti OAV, nonostante tutto 
-Film al cinema tra sperimentazione e successo 
-Le serie televisive: azione, comicità e amori adolescenziali 
1988 
-Seguiti al cinema di serie televisive 
-Le due anime del Ghibli 
-Il fenomeno Akira 
-Riassestamenti produttivi 
-Fantascienza e fantastico per l'homevideo 
1989 
-Il boomerang dell’economia giapponese 
-La morte di Osamu Tezuka 
-Il canto del cigno della super prolificità seriale 
-Il picco storico degli OAV 
-Al cinema: successi e fantascienza 
-Ghibli in crescita: il gioiellino Kiki’s Delivery Service 
1990 
-L’ascesa di Hideaki Anno 
-Al cinema e nell’homevideo 
1991 
-Al cinema, fra capolavori e non 
-Serie televisive in crescita numerica e calo qualitativo 
-Gli OAV del dopo boom: qualità costante, quantità in calo 
1992 
-Dal ristagno al rilancio 
-Il fenomeno Sailor Moon 
-Le altre serie rilevanti in televisione e nell’homevideo 
-Porco Rosso e gli altri film cinematografici 
1993 
-La fuga degli sponsor 
-All’insegna delle serie Toei e delle collaborazioni fra produttori 
-I successi OAV: fantascienza, fantastoria, fantamedicina 
-Oshii, Kawajiri, Takizawa: gli astri dell'ano al cinema 
1994 
-La diminuzione degli episodi delle serie televisive 
-Anime e multimedialità programmata 
-OAV: revival e inseguimento dei successi televisivi 
-L'appuntamento con il Ghibli e gli altri successi cinematografici 

IX. La rinascita dell’animazione seriale e il successo internazionale. 1995-1999 
1995 
-Il Giappone trema, ma non crolla 
-La serie di culto del 1995: Neon Genesis Evangelion 
-Adolescenti, parodie e anime in notturna 
-L’apoteosi degli OAV di qualità 
-Film di rilievo: sospiri del cuore, Shoah e post-cyberpunk 
1996 
-Il modello Evangelion come volano di un nuovo boom 
-Rinascita dell'animazione televisiva, ma serialità più breve 
-Gli ultimi exploit della lunga serialità televisiva 
-La rigogliosa produzione di OAV 
-I film di rilievo nelle sale giapponesi 
1997 
-N.A.S la nuova animazione seriale (e della notte): vampire e guerrieri 
-La nuova cornucopia della platea televisiva 
-Due fenomeni multimediali: Pokemon e Utena 
-Le altre serie televisive degne di nota dell’anno 
-OAV: erotismo, fan service e videogiochi 
-Al cinema: classici rispolverati e successi a colpo sicuro 
-Il testamento filosofico di Hayao Miyazaki: Princess Mononoke 
-Kimba contro Simba e il samurai vagabondo 
1998 
-Fra lutti, celebrazioni e riflessioni critiche 
-L’incremento dell’uso del digitale e il fenomeno Cowboy Bebop 
-Giochi di carte, robot fuori tempo massimo e fantascienza introspettiva 
-Le altre serie televisive di rilievo 
-Gli OAV: nuove idee e innovazioni tecniche 
-Al cinema: gli astri di Kon, Oshii, Otomo e Amano 
1999 
-Maghette, pirati e ancora fantascienza 
-Serialità per adolescenti e giovani adulti 
-Il ritorno dei classici: corsari spaziali, samurai raminghi e orfani vagabondi 
-Al cinema, personaggi di cassetta e capolavori 

X. L’animazione indipendente a cavallo fra i due secoli 
La generazione Sogetsu tra gli anni novanta e duemila 
-Tadanari Okamoto 
-Kikachiro Kawamoto 
-Yoji kuri, Renzo Kinoshita, Taku Furakawa 
-Nobuhiro Aihara, Keiichi Tanaami 
La nuova animazione indipendente: prima generazione 
-Masaaki Mori, Keita Kurosaka 
-Koji Yamamura 
-Gli altri autori di rilievo 
Seconda generazione e oltre 
-I nuovi eredi dell’animazione a passo uno 
-Kunio Katô 
-Gli altri nomi eccellenti della nuova covata di artisti 
-Verso una terza generazione di autori indipendenti 
Contatti fra animazione, videoarte e arte contemporanea nel nuovo secolo 
Takashi Murakami e il superflat 
Tabaimo 
Takashi Ishida 
Gli altri nuovi autori di talento 

XI. L’animazione commerciale del nuovo secolo. 2000-2008 
2000 
-Serie di successo per bambini 
-Le serie longeve esistono ancora: il caso Inuyasha 
-Serie e OAV per adulti: horror, storia, demenzialità 
-Al cinema: novità tematiche e tecniche 
2001 
-L'animazione ai tempi della crisi: fare finta di niente 
-Il tangibile declino qualitativo degli OAV 
-La corposa produzione cinematografica 
-I capolavori cinematografici dell'anno: 1 Metropolis 
-I capolavori cinematografici dell'anno: 2 La città incantata 
-Altri film importanti 
2002 
-Robot giganti di nuova generazione, cyborg ginoidi e magia 
-Le produzioni per internet e per l’homevideo: l’astro di Makoto Shinkai 
-Film al cinema: fantascienza e visioni ghibliche 
2003 
-Le serie televisive di spicco: lupi, alchimisti, ninja e steampunk 
-Fantascienza televisiva di qualità: 
-OAV: Animatrix, Cavalieri dello Zodiaco, Ken il guerriero e Mazinga 
-Al cinema: i pochi gioielli dell’anno 
2004 
-L’anno dei record: le serie in televisione 
-Quel che resta dell’OAV: vecchie glorie ancora sulla breccia 
-Le produzioni cinematografiche: dal disegno animato al celshading 
-Il ritorno di Otomo: Steamboy 
-Mind Game, il talento di Makoto Shinkai e la nuova fatica di Miyazaki 
2005 
-Le nuove modifiche al sistema economico e organizzativo dell’animazione 
-Serie televisive: quantità vs qualità 
-Riscoprire i robottoni: Eureka Seven 
-Fantascienza, fantasy, horror e Medioevo: le altre serie di rilievo 
-Gli OAV: il ritorno della Tatsunoko e della commedia romantica 
-Al cinema: l’eterno ritorno di Gundam 
2006 
-Fra crisi del sistema e sperimentazione d'autore 
-Sussulti direct-to-video e avanzata del web streaming 
-Il record degli anime in televisione 
-Un’animazione televisiva non solo d’evasione: il tema dell’isolamento sociale 
-Le serie di WOWOW 
-Ancora spiriti nel guscio, quaderni mortali e mecha di nuova generazione 
-Al cinema affollamento di grandi film 
-Il capolavoro visionario di Satoshi Kon: Paprika 
-La prima volta di un gaijin: Tekkonkinkreet 
2007 
-La flessione della produzione 
-Samurai meticci, personaggi letterari e mecha poetici 
-Non solo fantascienza: le inesauribili risorse del fantastico e della commedia 
-Gli eterni classici dello spazio: Gundam e Macross 
-Il nuovo corso degli OAV d’autore: pochi e buoni 
-Al cinema: una festa di genii dell’animazione 
-Il ritorno di Evangelion 
-Mito e nazionalismo nipponici di inizio XXI secolo 
2008 
-In televisione: discreta varietà nonostante la grande crisi 
-Cyborg del passato, disagio giovanile e parodie 
-Gli OAV: pochi scatti di creatività 
-Ancora Miyazaki: il richiamo dell’animazione 
-I nuovi film di Oshii e della Mushi 

XII. Il presente dell’animazione commerciale giapponese. 2009-2011 
2009 
-Tempi cupi 
-Le grandi serie TV di Madhouse e Production I.G, nonostante tutto 
-Rispolverare Genji e parlare di terremoti 
-Certi classici non muoiono mai 
-Gli OAV: i manga delle CLAMP e di Yukinobu Hoshino alla ribalta 
-Cinema: il perentorio predominio artistico di Madhouse e Production I.G 
2010 
-Cenni di ripresa macroeconomica e contraddizioni del sistema dell’animazione 
-Cala ancora la produzione televisiva 
-Gli OAV: nuove tendenze e linguaggi introspettivi 
-La morte di Satoshi Kon e la reazione del cinema giapponese 
2011 
-Se la serialità supera la fantasia 
-Le serie televisive 
-La produzione homevideo 
-I film di rilievo dell'anno 
-Uno sguardo nel futuro 

1 commento:

  1. Ottima lettura! Vi faccio un regalo: visto il quiz #StaiCattivo di Sky Atlantic? A Natale siamo tutti più cattivi! Ecco qui: http://staicattivo.skyatlantic.sky.it/

    RispondiElimina